Ciaspolata in Val Grande

La Val Grande di Vezza d’Oglio è una valle alpina della Valle Camonica nella provincia di Brescia.
È percorsa dal torrente Grande che sfocia nell’Oglio all’altezza di Vezza d’Oglio, la si imbocca in corrispondenza del paese di Vezza d’Oglio ad un’altitudine di circa 1100 metri, termina con la Punta di Pietra Rossa a 3212 m s.l.m.
Quasi tutta la Val Grande rientra nel Parco Nazionale dello Stelvio.

Il percorso non è particolarmente impegnativo, ha in effetti un dislivello di circa 800+800 metri su una lunghezza complessiva di circa 17Km.

Da Vezza d’Oglio nel centro del paese (Via Nazionale) salendo la SS42 sulla sinistra dobbiamo imboccare Largo Guglielmo Marconi seguendo quindi per Via Alighieri e Via Castellino sino quando incontreremo un’incrocio che ci porta su Via Tu.
Tu è un piccola frazione a 1201 m.s.l.m. dove lasceremo le auto (vi è un parcheggio a lisca di pesce) per iniziare la nostra risalita nella valle.
Il “sentiero” è inizialmente asfaltato per poi diventare lastricato di pietre sale in mezzo a baite e case montane in pietra ben curate.
L’abbondate nevicata notturna ci permette di indossare da subito le ciaspole, il torrente fiancheggia il sentiero ed in alcuni punti attraverso dei ponti lo andiamo ad attraversare.
Il sentiero è ben segnalato da cartelli romboidali che indicano il percorso per ciaspolatori con il n° 10, la traccia non è assolutamente battuta.
Gli abeti e i larici si fanno sempre più radi sino a sparire completamente per permettere una visione totale della bella Valle.
Un tratto pianeggiante ci conduce alla Malga Val Grande a 1785 m.s.l.m., ultima costruzione all’interno della Valle prima di arrivare al Bivacco Occhi a 2047 m.s.l.m.
Dalla Malga il sentiero non si inerpica eccessivamente ma il mezzo metro di neve soffice non ancora battuto ci rende la vita difficile.
La giornata è comunque splendida visto che il sole ha deciso di accompagnarci, l’azzurro cielo è sopra di noi e domina le montagne innevate che hanno già scaricato alcune piccole slavine nel fondo valle.

 Oltrepassato il ponticello dopo la malga cerchiamo di mantenerci sul lato destro del torrente ma comunque per qestioni di sicurezza sempre nel centro nella valle.
Il bivacco finalmente è in vista ma spesso la vicinanza porta a calcolare dei tempi che in montagna sono sempre decisamente più lunghi di quanto ci si aspetti.
Alle 11.30  dopo circa 3 ore di cammino arriviamo all’Occhi.
Apriamo il bivacco per poterci cambiare gli indumenti al riparo dal vento forte che si è alzato in Valle e per poterci rifocillare. Approfittiamo anche di una moka ed un po di caffè per riscaldarci.
Doverosa la mancia per l’ospitalità concessa, ripristinato il bivacco si parte verso Tu
La discesa è veloce, verso il fondo valle la neve è parzialmente sciolta per le temperature non rigide che ci obbligano ad abbandonare le ciaspole a circa 30 minuti dal parcheggio.
Si arriva all’auto alle 14:00 circa.
Ai link sotto le fotografie scattate durante l’escursione:
Distanza totale: 16645 m
Altitudine massima: 2026 m
Altitudine minima: 1277 m
Totale salita: 913 m
Totale discesa: -946 m
Total time: 05:27:23
Scarica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.