Dal Rifugio Bazena al Rifugio Tita Secchi (Lago della Vacca)

  • di
Lago della Vacca

Ci troviamo nella zona meridionale del Massiccio dell’Adamello, arrivando sino ai piedi della parete sud-ovest del Cornone di Blumone.

Partiamo dal Rifugio Bazena alle ore 8:00 circa con -3 gradi, un vendo gelido già sferza la Val Fredda sino all’omonimo Passo a 2.300 metri circa. Svallighiamo verso la Val di Cadino dove un sole caldo ci accompagna sino al Rifigio Tita Secchi e quindi al noto Lago della Vacca, un lago naturale trasformato nei primi del novecento in un bacino artificiale.

Questa è una zona di particolare interesse storico, geologico e botanico; storico perché seconda linea di difesa  durante la Grande Guerra (1915-18), geologico per le varie tipologie di rocce di diverse ere (sedimentarie, intrusive e metamorfosate) e botanico per la svariata vegetazione derivante dal suolo acido, basico e neutro scaturito dalla tipologia di rocce presenti.

Dettagli dell’escursione

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/Lago_della_vacca_da_Rifugio_Bazena_in_invernale_.gpx”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.